Tag Archives: bambini

I bambini precoci ritornano come genitori migliori

I magnifici giardini del campus degli Istituti regalano un caldo benvenuto ai genitori in arrivo per i corsi.

Sin dalla primissima presentazione del corso “Come moltiplicare l’intelligenza del vostro bebè” nel 1978, abbiamo ascoltato i genitori parlare dei propri bambini. Adesso questi bambini sono cresciuti e hanno i loro figli da preparare. Molti dei nostri piccoli ora adulti si ricordano di come si sono divertiti imparando a casa con le loro mamme e i loro papà usando i Bit di Intelligenza e i cartoncini con i pallini. Adesso che hanno avuto successo nelle loro carriere vogliono instillare nei loro figli lo stesso amore per la conoscenza.

Studenti del “Come moltiplicare l’intelligenza del vostro bebé” dimostrano le loro capacità di programmatori nel linguaggio Logo.

Una di queste mamme è Tarea. Nel 2004 sua madre, che aveva fatto il corso nel 1979, mandò a Glenn Doman un aggiornamento sui suoi progressi.

Continue reading

La paralisi cerebrale è incurabile?

Ivan dice “tutto ciò che non puoi fare è in realtà quello che non puoi ancora fare”

Ivan è nato con un parto indotto, con l’uso del forcipe per velocizzare la nascita. Aveva il cordone ombelicale attorcigliato al collo. Era itterico e i dottori trovarono cefaloematomi su entrambi i lati della testa. All’inizio sembrò che stesse bene e fu mandato a casa. Era un bimbo molto quieto, non piangeva quasi mai e passava gran parte della giornata dormendo. A otto mesi i genitori si accorsero che aveva la caviglia destra molto rigida e che la parte destra del corpo non funzionava bene come la sinistra. A 13 mesi una TAC confermò che Ivan aveva subito danni cerebrali e i dottori dissero ai suoi genitori che soffriva di paralisi cerebrale.

Fu così che iniziarono la ricerca di risposte per aiutarlo. Scoprirono il libro di Glenn Doman “Che cosa fare per il vostro bambino cerebroleso” e, inspirati dal suo messaggio, si recarono agli Istituti per seguire il corso che avrebbe cambiato le loro vite, scoprendo che avrebbero potuto aiutare lo sviluppo del bambino trattandone il cervello. Scoprirono che il Profilo di Sviluppo degli Istituti dimostrava che anche se Ivan aveva 18 mesi, aveva in realtà funzionalità proprie dei 10 mesi.

Vista, sensazioni, mobilità e parola erano tutti problemi per Ivan

Non riusciva a convergere, le sue sensazioni erano incomplete e camminava male a causa della rigidità sul lato destro del corpo. Nonostante i bimbi di 18 mesi siano in grado di dire più di dieci parole e anche coppie, Ivan non riusciva pronunciarne una sola. Comunicava solo con suoni, la funzionalità della sua mano destra era pessima e non poteva afferrare gli oggetti normalmente.

Il piccolo Ivan faticava a tenere il passo degli altri

I genitori di Ivan volevano per lui un programma di trattamenti specifico che potessero seguire a casa. Continue reading