Che cosa fare per il vostro bambino cerebroleso

di Glenn Doman

libro1WTDQuesta opera di Glenn Doman costituisce una delle pietre miliari nella storia del recupero dei cerebrolesi. Il successo del libro è dovuto sostanzialmente al successo dell’esperienza clinica dell’autore e della sua équipe, che da alcuni decenni hanno concentrato l’attenzione e la ricerca su metodi e strategie originali per la cura dei bambini con lesioni cerebrali anche molto serie. All’origine di questa impresa, di grande rilevanza scientifica e sociale, sono i sorprendenti, quasi miracolosi risultati conseguiti grazie al coinvolgimento dei genitori nel processo terapeutico. La ripetizione sistematica dell’esperienza ha poi condotto Doman alla ferma convinzione che la stragrande maggioranza dei bambini affetti da lesioni cerebrali siano effettivamente riconducibili alle funzioni cerebrali normali, in alcuni casi persino a livelli superiori alla media, solo che si intervenga precocemente e seguendo strategie di intervento appropriate e che, soprattutto, i genitori collaborino attivamente con il terapeuta. Il libro è scritto non solo per gli psicologi e i professionisti, ma anche e con particolare attenzione per i genitori. Di qui la duplice caratteristica del testo: da un lato la rigorosa documentazione scientifica per quanto concerne l’approccio teorico e metodologico, nonché la pratica clinica, e dall’altro la descrizione puntuale di una lunga serie di casi trattati con successo, grazie alla collaborazione dei genitori convinti della recuperabilità dei loro bambini e perciò incoraggiati a perseverare, con coraggio, nella loro opera.

“Il cervello cresce con l’uso”

Glenn Doman

Se volete commentare...

Please log in using one of these methods to post your comment:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s